fbpx

Concerto n° 5 ” 100 anni di musica ininterrotta” Musica d’Insieme III

29/04/2019 20:30 - 23:00 Europe/Rome

Domenica 28 aprile 2019 – Napoli, Villa Pignatelli – ore 10-17

Prove aperte al pubblico


Lunedì 29 aprile 2019 – Napoli, Villa Pignatelli – ore 20.30

QUARTETTO MITJA

FRANCESCO SOLOMBRINO viola

GIOVANNI SOLLIMA violoncello


Giovanni  Sollima  – Sonnets et Rondeaux per quartetto d’archi

Luigi  Boccherini  – Quintetto in re maggiore  Fandango G. 341, prima versione

Giovanni  Sollima – Casanova  versione per sestetto d’archi

Luigi  Boccherini – Sestetto per archi in si bemolle maggiore n. 2 G. 455


Quartetto Mitja

Giorgiana Strazzullo violino

Sergio Martinoli violino

Carmine Caniani viola

Veronica Fabbri Valenzuela violoncello

 

Il Quartetto Mitja nasce nel 2008 da quattro musicisti provenienti da Napoli, Salerno, Potenza e La Serena (Cile). Mitja, piccolo Dmitrij, è il dolce diminutivo che usava la madre di Shostakovich per chiamare suo figlio, ed è attraverso il suo nome che questo grande compositore ci ricorda di guardare con coraggio al futuro per creare senza limiti.Il Quartetto si è specializzato a Firenze (Scuola di Musica di Fiesole, Accademia Europea del Quartetto); Cremona (Accademia W. Stauffer); Parigi (ProQuartet Academy); Weikersheim (Jeunesses Musicales Deutschland); Imola (Incontri col Maestro – Accademia Pianistica Internazionale) con Quartetto Artemis, Quartetto Alban Berg, Quartetto Casals, Quartetto Kuss, Quartetto di Cremona, Antonello Farulli (Quartetto Sinopoli) e Andrea Nannoni.
Al quartetto sono state riconosciute importanti borse di studio dalla Scuola di Musica di Fiesole (2010), ProQuartet di Parigi (2011-2012-2013-2014) , Fondazione “A. Ciampi” (2012), Jeunesses Musicales Deutschland (2012). Ha vinto il Premio Rotary Club International EMF Young Musician 2016, il 1° Premio Assoluto al Concorso Europeo “Jacopo Napoli” ed è stato premiato al XXXIV Concorso Nazionale “Francesco Cilea” ed al XIV Concorso Internazionale “Pietro Argento”. Il Quartetto è stato in giuria al “I.C.A. Composition Competition 2019”.
Il disco monografico su Gian Francesco Malipiero pubblicato nel 2016 per l’etichetta discografica “TACTUS” è stato apprezzato dalla critica ricevendo il massimo delle stelle dalla rivista tedesca “Pizzicato” e dal mensile italiano dedicato “Musica”.
Ottime recensioni anche per le registrazioni in collaborazione con l’Orchestra Filarmonica della Calabria e le etichette discografiche Warner Music e Amadeus.
Il Mitja è stato Selezionato per il progetto “Le Dimore del Quartetto” in collaborazione con la “Associazione Dimore Storiche Italiane” dal 2015 al 2019, dal 2017 è Quartetto in Residenza dell’Accademia Mediterranea del Clarinetto.
E’ stato ospite di importanti festival musicali internazionali e rassegne concertistiche quali: Associazione I Teatri – Premio Borciani; Festival dei 2 Mondi (Spoleto); Associazione Alessandro Scarlatti (Napoli); Fondazione Walton; ProQuartet Rencontres Musicales; Jeunesses Musicales Deutschland (Weikersheim); QuartFest Cluj-Napoca (Romania); Festival di Pentecoste; Jeux d’Art à la Villa d’Este di Tivoli; Gioventù Musicale Italiana; Imola Summer Festival; Filarmonica Laudamo (Messina); Teatro Alighieri (Ravenna), Accademia Filarmonica Romana, Filarmonica Laudamo, MAIN Matera Intermedia, Università del Sacro Cuore, Ateneo Musica Basilicata, Festival del Lago Maggiore, Teatro Litta affiancandosi a grandi interpreti quali Giovanni Sollima, Simone Gramaglia e Giovanni Scaglione del Quartetto di Cremona, Robert Lehrbaumer, Philippe Berrod, Antonio Fraioli, Antonello Farulli, Giovanni Punzi, Duo Blanco Sinacori, Flavio Cucchi, Renzo Pelli, Francesco Nicolosi e Andrea Corsi.
Il Quartetto è stato ospite di varie emittenti radiofoniche e televisive quali Radio3 Suite, Radio Vaticana, Radio CRC e Radio Merge104.8 (Oman), Rai2, La7e NapoliTV; collabora inoltre con il musicologo, compositore e pianista Giovanni Bietti.
Il regista americano Francis Ford Coppola ha selezionato il Quartetto per un concerto nella sua tenuta di Palazzo Margherita in Bernalda e nel 2015 l’ensemble ha effettuato una tournée nel Sultanato dell’Oman tenendo numerosi concerti e seminari in collaborazione con Arabesque International sotto il patrocinio dell’Ambasciata Italiana di Muscat.
L’azienda COELMO “Energia in musica”, Sponsor Ufficiale del Quartetto Mitja, ha finanziato l’incisione del quartetto di Ravel, la produzione di quattro video artistici promozionali in collaborazione con la GMM production e ha sostenuto la realizzazione di Note Sensoriali, Sspettacolo Inedito basato sulla sinestesia dei 5 sensi.
L’ensemble ha ricoperto il ruolo di prime parti nella Matera Rolling Orchestra ideata da Federico Ferrandina in collaborazione con la RedCola Music/Sound design, compagnia di produzione musicale con base a Venice (California – USA) che produce musica destinata alle più importanti case cinematografiche.
Al compimento del 10° anno di attività nel 2018 nasce il progetto Opera Da Camera che vede il Quartetto Mitja protagonista di un inedito quanto accattivante accostamento tra musica da camera e opera lirica reso possibile grazie al tenore Sergio Martinoli (2° violino del quartetto).
Il Quartetto attualmente suona un violino Postiglione, un violino Gand e una viola Mario Capicchioni, gentilmente concessi dell’Associazione Piero Farulli.

Francesco Solombrino

Allievo di Giovanni Leone (celebre viola del Quintetto Chigiano), si diploma in violino con il massimo dei voti, lode e menzione speciale. Si avvale inoltre, durante il suo percorso di perfezionamento musicale, della guida dei Maestri Cristiano Rossi, PierNarciso Masi, Pavel Vernikov, Franco Gulli, Norbert  Brainin, Hatto Bayerle, Piero Farulli, Valentin Berlinsky.

Le importanti affermazioni in vari concorsi quali il premio A. Postacchini di Fermo, il Premio Campagnoli ed il concorso Citta di Viterbo, lo hanno portato ad esibirsi nei maggiori centri italiani ed europei  con artisti del calibro di Thiollier, Canino, Cominati, Mamou, Andaloro, Giuffredi, Braconi Votano, Stuller, Pesthy, Ivanov, Rozhdestvensky, Lucchesini, Meunier.

Dal 1999 è primo violino solista della Nuova Orchestra Scarlatti, con la quale, oltre alla prestigiosa stagione concertistica presso l’Auditorium della RAI di Napoli, ha effettuato tournées internazionali (Berlino, Mosca, San Pietroburgo, Gerusalemme, Beirut, Pechino).

È uno dei membri fondatori nel 2000, in qualità di violista, del Quartetto d’archi Savinio, con il quale ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti quali il 1° Premio nel Concorso di Musica da Camera di Caltanissetta, il 1° Premio V. Rimbotti (Accademia Europea del Quartetto), 3° Premio D. Šostakovič International String Quartett Competition Moscow.

Con il Quartetto Savinio si esibisce per le maggiori istituzioni concertistiche: Amici della Musica di Firenze, Ravello Festival, Unione Musicale di Torino, Sala Čaikovskij di Mosca, Wilton Hall di Londra, Istituto Italiano di Cultura di Parigi, Washington, San Paolo del Brasile.

Ha fondato nel 2012 il Silk Trio con il quale sarà impegnato in una lunga tournée in Cina.

Ha inciso per Amadeus, Classic Voice, Stradivarius, Mode Records di New York, Decca, Camerata di Tokyo, Brilliant.

Ha tenuto Masterclasse in Spagna, Turchia, Romania. Vincitore del Concorso a cattedra per esami e titoli, è docente di violino presso il Conservatorio Nicola Sala di Benevento.


Giovanni Sollima

Frequenta il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo e si diploma in violoncello (con Giovanni Perriera) e in composizione (con il padre Eliodoro Sollima). Comincia subito una prestigiosa carriera musicale avendo l’onore di collaborare con personalità come Claudio Abbado, Giuseppe Sinopoli e Martha Argerich. La sua prima composizione di rilievo risale al 1993, quando scrive, assieme ad altri compositori, “Requiem per le vittime della mafia”, eseguita nella Cattedrale di Palermo ad un anno esatto dalla strage di Capaci. La musica di Sollima può definirsi postminimalista, in quanto, pur essendo influenzata dal minimalismo e dalle strutture tipiche di questo (melodie modali e strutture ricorsive) non vi appartiene totalmente.

Nelle sue musiche appaiono infatti elementi tratti dal rock, dal jazz e da tutta la musica di area mediterranea.  Nel mese di ottobre 2002 con la partecipazione della cantautrice Elisa viene rappresentata al Teatro Massimo di Palermo “Ellis Island”, un’opera musicale sul tema dell’immigrazione, con musiche di Giovanni Sollima, la regia di Marco Baliani, la direzione musicale di Todd Reynolds e i testi di Roberto Alajmo. Nel 2007 realizza insieme con l’animatore Lasse Gjertsen il videoclip in 2 parti “Sogno ad Occhi Aperti (Daydream)”.  Nel 2008 il suo brano “De Harmonia” viene utilizzato dal regista Mirko Locatelli come colonna sonora del film “Il primo giorno d’inverno”, opera prima che partecipa alla 65ª Mostra del Cinema di Venezia, in concorso nella sezione Orizzonti.  Nel 2013 e nel 2014 è direttore artistico e maestro concertatore del festival salentino della Notte della Taranta

Visit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram