Calendario

Calendario

< 2019 >
Aprile
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Marzo
1
2
3
4
  • Concerto n° 22 – ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA

    20:30 -23:00
    04/04/2019Europe/Rome

    Via Chiaia, 157, 80121 Napoli

    Via Chiaia, 157, 80121 Napoli

    Giovedì 4 aprile 2019 – Teatro Sannazaro – ore 20.30

    ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA

    ANIELLO DESIDERIO, chitarra

    HUGO TICCIATI, violino e direzione

    Pēteris Vasks – Concerto per violino e orchestra d’archi “Distant Light”;

    Wolfgang Amadeus Mozart – Ouverture da le Nozze di Figaro;

    Joaquin Rodrigo – Concierto de Aranjuez;

     


    OLYMPUS DIGITAL CAMERA

    Orchestra da Camera di Perugia

    La nuova Orchestra da Camera di Perugia nasce dalla pluriennale esperienza di giovani musicisti umbri nella diffusione della cultura musicale, soprattutto in relazione alle produzioni musicali rivolte ai giovani delle scuole. La collaborazione fra strumentisti attivata all’interno del progetto «Musica per crescere», della Fondazione Perugia Musica Classica, ha portato alla volontà di creare un complesso di archi e fiati in grado di estendere l’impegno nella diffusione musicale in sede concertistica, e di mettere al servizio degli enti di produzione musicale umbri e italiani una nuova formazione che può contare su professionalità consolidate dalla collaborazione con alcune delle migliori orchestre nazionali (Accademia di Santa Cecilia, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra della Toscana, Camerata Strumentale «Città di Prato», etc.) e da una attività solistica di alto profilo. Fra i musicisti che danno vita all’Orchestra da Camera di Perugia figurano inoltre alcuni dei migliori talenti delle ultime generazioni, vincitori di concorsi nazionali e internazionali e di prestigiose borse di studio, come quelle conferite dal Premio «Leandro Roscini», destinato appunto a sostenere i giovani musicisti umbri.

    Il debutto della formazione avviene nel settembre del 2013 con il Progetto «Penderecki 80», presentato alla Sagra Musicale Umbra, al Ravello Festival e all’Emilia Romagna Festival, per celebrare l’ottantesimo anno di età del compositore polacco Krzysztof Penderecki, che per l’occasione ha diretto musiche da lui composte. Il concerto tenuto ad Assisi di questo programma è stato trasmesso integralmente da Radio Vaticana. Da quel momento l’attività dell’Orchestra è divenuta subito piena di impegni, portando la compagine a collaborare con importanti maestri, solisti e complessi corali (Giovanni Sollima, Nicola Piovani, Paolo Fresu, Wayne Shorter, Enrico Bronzi, Jonathan Webb, Quincy Jones, Gary Graden, Gregory Porter, Filippo Maria Bressan, Hugo Ticciati, John Patitucci, Andrea Oliva, Francesco Di Rosa, Danilo Pérez, Corrado Giuffredi, Marco Pierobon, Brian Blade, , Mark Milhofer, Daniela Dessì, Fabio Armiliato, Desirée Rancatore, Bruno Canino, Gemma Bertagnolli, Kremena Dilcheva, Thomas Indermühle, Karl-Heinz Schütz, Coro da Camera della Filarmonica Estone, Coro S:t Jacobs di Stoccolma, Coro del Maggio Musicale Fiorentino, Coro della Cappella Musicale Papale di San Francesco, etc.) e ad esibirsi stabilmente in prestigiosi Festival e Rassegne (Umbria Jazz 2016-2018, Umbria Jazz Winter #23, Umbria Jazz Spring 2017-2018,  Sagra Musicale Umbra 2014-2018, Expo Milano 2015, Kusatsu Music Festival-Giappone 2014-2018, Amici della Musica di Perugia 2015-2018, Festival delle Nazioni 2014). Dal 2015 al 2017 la  formazione ha collaborato con il direttore d’orchestra Nil Venditti, e per due anni consecutivi (2015 e 2016) si è esibita per Radio 3 Rai, con due concerti trasmessi in diretta nell’ambito di «Radio 3 Europa»/Umbria Libri.

    L’Orchestra ha riscontrato molto successo con il programma “Altissima Luce/Laudario di Cortona”, in collaborazione con Paolo Fresu, l’arrangiatore e bandoneonista Daniele di Bonaventura e il Gruppo vocale Armoniosoincanto. Il programma è stato eseguito nel 2016 sia a Umbria Jazz che per la Sagra Musicale Umbra, e successivamente a Terni (Umbria Jazz Spring), a Torino (Narrazioni Jazz), a Roma (Notte Sacra, Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola), a Milano (Jazzmi, Hangar Bicocca), a Cortona (Festival di Musica Sacra), all’Aquila (Società Aquilana dei Concerti «B. Barattelli») e ad Alghero (Jazz Alguer).

    Sono di recente uscita le incisioni discografica dei Concerti per flauto di Mozart (Camerata Tokyo) con Karl-Heinz Schütz, primo flauto solista dei Wiener Philharmoniker e di “Altissima Luce/Laudario di Cortona” per la rivista Amadeus.


    Aniello Desiderio 

    Nato a Napoli nel 1971,  inizia lo studio della chitarra classica all’ età di 6 anni. I suoi maestri sono stati Pietro Piscitelli, Bruno Battisti D’Amario e Stefano Aruta; frequentando per diversi anni masterclass tenute dal compositore cubano Leo Brouwer.. Si è diplomato nel 1992 con il Massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. Ha tenuto il suo primo concerto all’ età di 8 anni, e la critica in quell’ occasione iniziò a parlare di lui come “enfant prodige”. Ha vinto 18 primi premi tra nazionali ed internazionali.

    La carriera internazionale inizia nel 1989 durante il festival internazionale di Volos (Grecia), da quel momento in poi si è esibito in tutto il mondo: Svizzera, Giappone, USA, Danimarca, Finlandia, Grecia, Germania, Turchia, Francia, Irlanda, Norvegia, Svezia, Spagna, Venezuela, Brasile, Cuba, Messico, Austria, Polonia, Russia, Indonesia, Ungheria, Colombia, Olanda, Italia sia come solista che con diverse orchestre tra le quali “I Virtuosi di Mosca“ diretti dal M° Vladimir Spivakov“.

    Ha suonato per alcune delle più prestigiose associazioni musicali nazionali e internazionali e alcuni tra i teatri più importanti del panorama internazionale tra i quali le Orchestre Radio France, Alessandro Scarlatti, Megaride,  Pomeriggi Musicali di Torino, il Gubbio Summer Festival,  la Bayerische Rundfunk TV,  il Musikfest Bremen, il Ludwigsburger Schlossfestspiele, la Omni Concert Series di  S. Francisco, la Alter Opera di  Francoforte, la Tonhalle Dusseldorf, la Philarmonie and Prinzregententheater di  Monaco

    Nel novembre del 1996 ha tenuto il suo debutto a New York alla Manhattan School of Music

    Tiene costantemente masterclass nei più famosi festival internazionali di musica. Nel Maggio del 1999 la televisione tedesca BR/ARD ha prodotto un film musicale e un ritratto di Aniello DESIDERIO a Napoli, il quale è stato prodotto più di 10 volte in tutta l’Europa dal 2000 al 2005.

    Nel Settembre del 1999 ha ricevuto il premio „Artist in Residence“ dalla Radio tedesca DLF e dal Musikfest di Bremen insieme al famoso violinista Gidon Kremer.

    É stato invitato come artista al Galà del 70esimo anno di età diLorin Maazel dalla radio tedesca Bayerischer Rundfunk presso il Prinzregententheater di Monaco. Ha fondato il gruppo “Passione Napoletanacon il quale suonano Gennaro e Gaetano Desiderio e altri musicisti di estrazioni diverse, e il “Tango con Passion con il quale suona il famoso bandoneonista Romulo Larrea Montevideo, e la cantante Veronica Larc Buenos AiresHa inciso diversi dischi per la Frame; Waku Music; Koch Universal; e nel 2006 ha fondato l’etichetta discografica Adoro Records.

    Dal 2005 è Professore presso l’Accademia di Musica a Koblenz (Germania)

5
6
7
8
9
10
11
  • Concerto n° 23 – CARDUCCI STRING QUARTET

    20:30 -23:00
    11/04/2019Europe/Rome

    Via Chiaia, 157, 80121 Napoli

    Via Chiaia, 157, 80121 Napoli

    Giovedì 11 aprile 2019 – Teatro Sannazaro – ore 20.30

    CARDUCCI STRING QUARTET

    Felix Mendelssohn  – Quartetto n. 6 in fa minore op. 80;

    Philip Glass – Quartetto n. 5 (1991);

    Benjamin Britten – Quartetto n. 1 in re op. 25


    Carducci String Quartet

    Matthew Denton , violino

    Michelle Fleming , violino

    Eoin Schmidt-Martin , viola

    Emma Denton , violoncello

    Un quartetto d’archi anglo-irlandese, il pluripremiato Carducci String Quartet ha eseguito di tutto, dai nuovissimi quartetti, alle opere classiche di Haydn, ai cicli completi di Shostakovich e ha persino collaborato con l’icona folk-rock Ian Anderson dei Jethro Tull. Fondato nel 1997 attorno ai talenti di Matthew Denton (violino), Michelle Fleming (violino), Eoin Schmidt-Martin (viola) ed Emma Denton (violoncello), il quartetto ha vinto numerosi concorsi internazionali, tra cui il Concert Artists Guild International Competition 2007 e il  Kuhmo International Chamber Music Competition in Finlandia 2004. Nel 2016, hanno portato a casa un Royal Philharmonic Society Award per  la loro esecuzione  integrale dei Quartetti di Shostakovich. Questo progetto Shostakovich15 è stato accompagnato da un CD, il loro secondo disco per Signum Classics, che  è stato accolto dal BBC Music Magazine come “un bel risultato, che vanta un eccellente ensemble, intuizione musicale e attenzione ai dettagli”. Il quartetto ha pubblicato una serie di registrazioni  anche per propria etichetta, Carducci Classics. Le loro registrazioni Naxos di Philip Glass Quartets hanno avuto oltre sei milioni di contatti su Spotify

    Il  Carducci Quartet è riconosciuto come uno dei quartetti d’archi più famosi di oggi. Con oltre 90 concerti in tutto il mondo ogni anno, il quartetto organizza anche un festival annuale a Highnam, ed è quartetto in residenza presso la Dean Close School di Cheltenham, dove insegnano musica da camera a giovani studenti. A settembre 2014 hanno curato il loro primo Festival Carducci a Castagneto-Carducci. Il quartetto è apparso in prestigiose sedi in tutto il mondo tra cui la Wigmore Hall, a Londra; National Concert Hall, Dublino; Tivoli Concert Hall, Copenhagen; The Frick Collection e Carnegie Hall, New York, Biblioteca del Congresso e John F Kennedy Center, Washington D.C., St Lawrence Centre for the Arts, Toronto e Concertgebouw, Amsterdam. Il 2018 vede il quartetto eseguire cicli completi dei Quartetti di Bartok al Kings Place di Londra, Gloucestershire e Oxford. Altri concerti includono spettacoli in Canada, Italia, Francia, Germania, Spagna, Irlanda e in tutto il Regno Unito. Collaborazioni recenti e imminenti includono esibizioni con i pianisti Denis Kozhukhin e Martin Roscoe, il chitarrista Craig Ogden, l’oboista Nicholas Daniel, i clarinettisti Julian Bliss e Emma Johnson e i violoncellisti Benedict Kloeckner e Guy Johnston. Molto celebrato per l’interpretazione del repertorio contemporaneo, il Carducci Quartet ha curato molti progetti diversi ed è regolarmente invitato a eseguire nuovi lavori. Le anteprime recenti hanno incluso opere di Simon Rowland-Jones, Gavin Higgins e Kemal Yusuf. Nel 2015 hanno curato progetti per Philip Glass e Steve Reich, e di recente hanno pubblicato un’acclamata registrazione del quintetto di clarinetti di David Bruce “Gumboots” con Julian Bliss, per Signum Classics .  L’insegnamento è un elemento importante del lavoro del Carducci Quartet,  che gli ha fatto ottenere il  Royal Philharmonic Society Award per il loro concerto di famiglia “Getting the Quartet Bug!”. Il Carducci Music Trust è stato istituito per sostenere il loro lavoro nelle scuole e con giovani musicisti. Sono anche The Carne Trust Ensemble in Residence al Trinity Laban Conservatoire of Music and Dance di Londra e svolgono ogni anno numerosi concerti scolastici supportati dal CAVATINA Chamber Music Trust

12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Maggio
Maggio
Maggio
Maggio

Legenda colori categorie eventi

Miti di musica
Organi della campania
Scarlatti Contemporanea
Stagione del Barocco
Lo sguardo e il suono
Viaggi Musicali
La stagione del Centenario