Stagione 2019/2020

< 2020 >
Luglio
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Giugno
Giugno
Giugno
1
2
3
4
5
6
7
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Antonella Monetti e Michele Signore

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Antonella Monetti e Michele Signore

    21:00 -22:00
    07/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Martedì 7 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 21

    CINEMATOGRAFO VIVANI – CANZONI E FILM

    Sonorizzazione dei film

    Scarpetta e l’americana ( 1908) con Vincenzo Scarpetta

    Un amore selvaggio (1912) con Raffaele Viviani e Luisella Viviani musiche originali di Raffaele Viviani e Michele Signore

    Un progetto a cura di Simona Frasca
    In collaborazione con Eye FilmmuseumAmsterdam, Cineteca di Bologna e Cattedra di Storia del Cinema Università “Federico II” di Napoli

       


    NOTE DI SALA


    Antonella Monetti, voce e fisarmonica

    Michele Signore, violino e mandolino mandoloncello


    Antonella Monetti

    Allieva della Bottega teatrale di Firenze diretta da Gassmann, attrice, cantante, regista. Nel 2013 ha dato vita al personaggio di “Dolores Melodia Posteggiatrice Chic”, fisarmonicista e chansonnier, struggente interprete del repertorio Vivianesco e della canzone napoletana a 360 gradi. Nel dicembre 2018 porta in scena con Teatri d’Imbarco un primo studio su “Dolly, Fefe’ e Madame Fougez“ Drammaturgia di Antonella Monetti , regia di Beatrice Visibelli.

    Nel giugno 2018 ha curato, assieme al musicista Michele Signore la colonna sonora di “Un amore selvaggio” (1912 anonimo) con Raffaele e Luisella Viviani per Cinema Ritrovato di Bologna, replicato ancora in dicembre al Film Museum di Vienna. Nel 2017 sempre col violinista Michele Signore, cura la colona sonora dal vivo di due film mutie: “Napoli canta” di Roberto Roberti e “Fantasia ‘e surdate” di Elvira Notari rappresentati nella rassegna  Transito/Elvira Notari al  Festival a Francofort.

    Nella stagione 2017 ha ideato e diretto con Ciro Riccardi, lo spettacolo musicale Devoti a Viviani Repertorio per Piccola Banda Urbana, per il festival Cantieri Viviani, ha condiviso la direzione musicale di Arrevuoto con Maurizio Capone, Nel cast di D.A.d.P. A di Luciano Melchionna, nel dicembre 2016 ha presentato il suo primo lavoro discografico: Fino all’urdemo Suspiro, edito da Napoli Monitor.


     

    Michele Signore

    Violinista, mandolinista e mandoloncellista, produttore e compositore di musica.

    Ha studiato violino al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli. Dopo una lunga esperienza in formazioni classiche cameristiche e sinfoniche nel 1980 collabora con una serie di lavori

    musicali e teatrali con: Nino Taranto – Patroni Griffi – Leopoldo Mastelloni – Peppe Barra – Lina Sastri ed altri, successivamente si unisce come violinista e compositore al gruppo Nuova Compagnia di Canto Popolare (attività che svolge ormai da circa 35 anni) Da allora la sua esperienza è stata un susseguirsi di eventi internazionali registrando dischi ed effettuando concerti e collaborazioni in tutto il mondo con numerosi artisti fra cui: Roberto Murolo – Nana’ Vasconcellos -Pino Daniele – Enzo Avitabile – Enzo Gragnaniello – Eugenio Bennato – Almamegretta – Daniele Sepe – Bill Laswell.

    Nel 2013 ha collaborato come produttore nel lavoro discografico di Alessio Arena”Bestiario Familiare” dove l’artista al festival Musicultura vince i primi premi sia per la migliore composizione che per la migliore produzione Discografica della kermesse. Di recente ha curato la composizione di colonne sonore dedicate alla proiezione di film muti del primo periodo del 1900 fra cui

    Fantasia ‘e Surdate presentato al Festival di Francoforte e al Museo del Cinema di Vienna con la Presidenza  di Martin Scorsese, L’Italia s’è desta di Elvira Notari Un Amore Selvaggio (di recente restaurato dalla Cineteca di  Bologna e proiettato in prima nella stessa Cineteca per Il Festival del Cinema Muto di Bologna 2018 in  collaborazione con la Cineteca di Amsterdam), Scarpetta e l’americana 1908 con Vincenzo Scarpetta. 

8
9
10
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Scarlattilab Barocco

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Scarlattilab Barocco

    19:00 -21:00
    10/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Venerdì 10 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    BENEDETTO FERRARI E IL SUO TEMPO

    Benedetto Ferrari – Pur ti miro, pur ti godo, duetto da L’incoronazione di Poppea;  

    Amanti, io vi so dire. Ciaccona da Musiche varie a voce sola…, Libro III;

    Il più fido di me da Musiche varie a voce sola…, Libro III;

    Donna t’inganni da Musiche varie a voce sola…, Libro II;

    Francesco Cavalli  – Amor chi ha senno in se’, duetto di Licco e Paggio da Ercole amante;

    Marco UccelliniSonata XI, opera 7;

    Benedetto FerrariLingua di donna da Musiche varie a voce sola…, Libro II,

    Amar io ti consiglio, Lidia e Fileno. Dialogo da Musiche varie a voce sola…, Libro III;

    Marco Uccellini  – Aria V, opera 4;

    Francesco Cavalli   Pera, mora l’indegno! aria di Clerica da Ercole amante;

    Giovanni Felice Sances  –  Lagrimosa beltà. Cantada a doi voci. In Ciacona


     


    SCARLATTILAB BAROCCO

    Giulia Lepore, soprano

    Cristina D’Alessandro contralto

    Donato Lillo-Tarì tenore

    Ugo Di Giovanni , Pierluigi Ciapparelli, tiorbe

    Luigi Trivisano cembalo

    Domenico Passarelli flauto dritto

    Antonio Florio direttore musicale

    Scarlattilab Barocco

    Un progetto innovativo ed unico in Italia,  il contenitore Scarlattilab  raccoglie le iniziative della  Associazione Alessandro Scarlatti – Ente Morale dedicate ai giovani cantanti, compositori  e strumentisti di I° e II° livello dei Conservatori del Sud che si affacciano alla carriera professionale.  E’ nato nel 2011 con lo scopo di creare un necessario punto di incontro e di stimolo tra la sperimentazione didattica e l’attività concertistica, in cui giovani studenti dei Conservatori sono impegnati accanto ai loro maestri e a musicisti professionisti in masterclass che ruotano intorno alla realizzazione di una “performance”. 

    Diretto da Antonio Florio e Dinko Fabris, ScarlattiLab Barocco valorizza il repertorio del XVII e XVIII secolo attraverso  una vera sinergia con il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, che  ospita i seminari di preparazione: in otto anni, per un totale di oltre 20 progetti, sono stati coinvolti oltre cento giovani musicisti tra studenti di Napoli (dove è  attivato un master di II livello in Musica Antica unico in Italia) e altri Conservatori ( Bari, Cosenza, Palermo, Verona), docenti interni e ospiti, in diverse formazioni in cui i docenti  possono far studiare i brani secondo la corretta prassi esecutiva, ma anche con l’apertura verso l’improvvisazione che caratterizzava i musicisti barocchi della scuola napoletana.

11
12
13
14
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Dario Candela

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Dario Candela

    19:00 -21:00
    14/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Martedì 14 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    1770: Mozart a Napoli

    Wolfgang Amadeus Mozart – Sonata K 330 in do maggiore;  

    Domenico  Cimarosa  – Sonata C 55 in la minore, Sonata C 47 in la maggiore, Sonata C79 in re minore, Sonata C. 88 in do maggiore;

    Domenico Scarlatti  Sonata K 146 in sol maggiore, Sonata K 498 in si minore, Sonate K 225 in do maggiore

    Wolfgang Amadeus Mozart  – Sonata K 283 in sol maggiore

    Dario Candela, pianoforte



    Dario Candela

    Musicista eclettico, Dario Candela si forma a Napoli (diploma di Pianoforte,  diploma di Musica corale – Direzione di coro e diploma di Composizione)  quindi in Francia (diploma al Conservatoire Superieur Alfred Cortot di Parigi) e si laurea in Lettere all’Università “Federico II”, vincendo una borsa di ricerca e collaborando per progetti di ricerca musicologica.

    Allievo di Aldo Ciccolini, suona da solista e in varie formazioni cameristiche  collaborando con  artisti italiani e stranieri, per rinomati enti e teatri in Italia e all’estero. A novembre 2017 suonerà nella Salle Cortot di Parigi.

    Ha inciso per la Phoenix Classic,  per Naxos, e per Brilliant, per Dynamic l’integrale delle Sonate di Cimarosa, apprezzato dalla critica in Germania e Stati Uniti.  Ha suonato per  RadioRAI 3, RAI Educational, Radio Svezia, per Radio France, per Radio Classica, Radio Rai 3 Suite, e televisive per Canale 5. Ha ottenuto 5 Primi premi in concorsi pianistici. Premier prix à l’unanimité al Conservatorio Superiore Cortot di Parigi.   Ha scritto musica per teatro in Francia (Winter Afternoons – premio alla creazione dal Ministero della Cultura Francese 2001; La Legende des siecles di Victor Hugo, rappresentata al Teatro della Comédie Française; Le viceconsul ) e in  Italia (Erotismo barocco, rappresentato nei teatri La Soffitta-Bologna, La Pergola-Firenze, Nuovo-Napoli). Le sue musiche per Emily L. sono state pubblicate dalle Editions Armiane di Versailles.

    Attualmente insegna Musica da Camera al Conservatorio Stanislao Giacomantonio di Cosenza e alterna   masterclasses presso l’Accademia Pianistica Napoletana, con corsi di perfezionamento pianistico al Conservatorio Superiore di Malaga.

    Pubblica saggi di musicologia per le Edizioni Scientifiche Italiane, la LIM, la Fond. Morra, l’Università Federico II e tiene per 3 anni  un corso al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli sulla Fisiologia e Didattica pianistica scrivendo un volume sull’argomento intitolato “Il corpo e il suono” edito da Simeoli.

    È Direttore della Biblioteca sul Novecento Musicale intitolata a Mario Pilati e fondatore del  Centro Italiano di Musica da Camera per il quale ha organizzato diverse stagioni concertistiche di grande successo. Direttore artistico di PianoCity Napoli per quattro edizioni, ha ricoperto il ruolo di coordinatore della sezione classica, coinvolgendo centinaia di artisti, dai più giovani a professionisti di fama internazionale.

    Nel 2007 fonda Il Circolo Artistico  Ensemble che si occupa di riscoprire la musica del Novecento Italiano  con il quale svolge intensa attività concertistica, di ricerca e con il quale ha presentato al Teatro di San Carlo di Napoli il quintetto per pianoforte e archi di Mario Pilati.

15
16
17
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Quartetto Savinio

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Quartetto Savinio

    19:00 -21:00
    17/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Venerdì 17 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    Canto di ringraziamento

    Un racconto di Sandro Cappelletto  per il Quartetto Op.132 di Ludwig van Beethoven in memoria di Piero Farulli nel centenario della nascita

    Quartetto Savinio

    Sandro Cappelletto

    con il sostegno di     


    NOTE DI SALA


    QUARTETTO SAVINIO

    Alberto Maria Ruta, Rossella Bertucci, violini

    Edoardo Rosadini , viola

    Lorenzo Ceriani, violoncello

    Nel 2020 il Quartetto Savinio festeggia i 20 Anni di Carriera Concertistica; fondato nel febbraio del 2000 il Quartetto Savinio, sin dal debutto si impone all’attenzione di critica e  pubblico per le sue eccellenti  capacità  tecniche-quartettistiche ed interpretative, e, grazie ad affermazioni in prestigiosi Concorsi ( 1° premio “Concorso Internazionale di Musica da Camera di Caltanissetta, 3°Premio D. Shostakovich International Competition Moscow, Premio V. Rimbotti 2003 all’unanimità), è ospite per le più prestigiose istituzioni concertistiche  italiane. Il Quartetto, formatosi alla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida  dei   Maestri  Piero Farulli e Andrea  Nannoni, grazie all’ “Accademia Europea del Quartetto”,  ha avuto modo di avvalersi dei consigli di alcuni miti del Quartetto d’archi fra cui : M° Norbert  Brainin, Milan Skampa, Hatto Beyerle, Valentin  Berlinsky..

    Inoltre ha ideato ed interpretato con Sandro Cappelletto due concerti racconto: “La notte delle Dissonanze” e “Shostakovich, amico del popolo?” riscuotendo un enorme consenso di critica e pubblico.

    Il Quartetto è molto attivo anche nell’ambito della Musica Contemporanea collaborando con compositori quali: Fabio Vacchi (con incisione per la rivista Amadeus di “Movimento di Quartetto),Azio Corghi, Matteo D’Amico, ,ed è stato invitato dall’Associazione  Amici della Musica di Firenze per l’esecuzione in prima assoluta italiana di “Fetzen” di Wolfgang  Rhim per quartetto e fisarmonica. Nel 2013-2014. ha iniziato l’esecuzione Integrale dei Quartetti di Beethoven per diversi  enti concertistici italiani; in occasione dei 50 anni dalla nascita dei Beatles,  ha portato in tournee con lo spettacolo ideato assieme a G. Bandini e Stefano  Valanzuolo “The Fool on the Hill”, per voce recitante, quartetto e chitarra.

    Ricca di successi è la produzione discografica :  l’ Integrale dei Quartetti di Cherubini uscita nel 2008 con l’etichetta Stradivarius,è stata  premiata dalla Stampa Italiana  come CD dell’Anno 2008, Premio del  Disco Classic Voice e Musica e Dischi, e recensito 5 Stelle dalle riviste Musica, Suonare News , Amadeus;  anche il  nuovo cd DECCA con i Quintetti per pianoforte di Dvorak e Shostakovich con Matteo Fossi  ha ricevuto 5 Stelle da Classic Voice e Amadeus. Nel 2015 -2016, in occasione del 15° anniversario della attività concertistica il  quartetto ha realizzato   due nuovi prestigiosi progetti discografici: Il Quartetto op.47e Quintetto op.44  di Schumann con Costantino Catena per Camerata Tokio  e l’integrale di Quartetti e trii con pianoforte di  Schumann per Brilliant Classics; entrambi hanno ricevuto 5 Stelle Amadeus. Da segnalare nel 2020 l’uscita del Quintetto di Carl  Maria v Weber per Brilliant

    Nel Dicembre 2011  il quartetto ha ricevuto a L’Aquila il Premio Carloni 2011 quale “ Miglior Giovane Interprete italiano 2011”. Dal 2013 tiene MasterClass di Musica da Camera presso la Accademia AEMAS .

    Dal Dicembre 2017 la nuova Viola del quartetto è Edoardo Rosadini, violista e direttore d’orchestra.


    SANDRO CAPPELLETTO

    Scrittore e storico della musica, Sandro Cappelletto è nato a Venezia nella seconda metà del Novecento. Laureato in Filosofia, ha studiato armonia e composizione con il maestro Robert Mann. Tra le sue principali pubblicazioni, la prima biografia critica di Carlo Broschi Farinelli (La voce perduta, EDT, 1995), un’analisi della Turandot di Puccini (Gremese Editore, 1988), una biografia di Beethoven (Newton Compton, 1986), un saggio su Gaetano Guadagni (Nuova Rivista Musicale Italiana, 1993), un’inchiesta politica sugli enti lirici italiani (Farò grande questo teatro!, EDT 1996). Esce nel 2006 Mozart – La notte delle Dissonanze (EDT), libro dedicato al misterioso adagio introduttivo del Quartetto per archi K 465.  Per la Storia del teatro moderno e contemporaneo (Einaudi, 2001) ha scritto il saggio Inventare la scena: regia e teatro d’opera. Nel 2002, con Pietro Bria, dà alle stampe Wagner o la musica degli affetti (Franco Angeli), raccolta di riflessioni e interviste di Giuseppe Sinopoli, di cui nel 2006 cura Il mio Wagner – il racconto della Tetralogia (Marsilio). Nel 2008 l’Accademia Perosi di Biella pubblica  L’angelo del Tempo, volume dedicato al Quartetto per la fine del Tempo di Olivier Messiaen.

    È autore di programmi radiofonici e televisivi (crea la trasmissione di Rai-Radio Tre Momus, realizza per Rai 3 un film televisivo su Maurizio Pollini, scrive e conduce per Rai 5 il programma Inventare il tempo). Nel 2010, nata per Daniela Mazzucato e Marco Scolastra, va in scena La Padrona di casa, pièce dedicata alla relazione tra George Sand e Fryderyk Chopin.

    I suoi libretti per il teatro musicale sono nati dalla collaborazione con significativi compositori italiani, tra i quali Claudio Ambrosini, Daniele Carnini, Luca Lombardi, Azio Corghi. Intensa la collaborazione con Matteo D’Amico. Esce nel 2014 Da straniero inizio il cammino – Schubert, l’ultimo anno (Accademia Perosi), volume dedicato  all’estremo periodo creativo di Schubert.

    Nel 2016 il Saggiatore pubblica I quartetti per archi di Mozart. Le voci del violoncello (ETS) esce nel 2017. Cura ed è direttore scientifico del volume Musica per la collana Il contributo dell’Italia alla storia del pensiero (Treccani, 2018)

    Su invito di Giuseppe Sinopoli  ha diretto il settore drammaturgia e didattica del Teatro dell’Opera di Roma. Accademico dell’Accademia Filarmonica Romana, ne è stato direttore artistico dal 2009 al 2013. Giornalista professionista, scrive per il quotidiano La Stampa. Dirige Studi verdiani. E’ Accademico di Santa Cecilia.

18
19
20
21
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale

    19:00 -21:00
    21/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Martedì 21 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    Riflessi dall’oriente

    Robert Schumann – Bilder aus  Osten –  Sei improvvisazioni per pianoforte a quattro man;

    Johannes Brahms  – Liebeslieder Walzer op.52a;

    Antonìn  Dvořák – da Slovanské tance Op.72 :n.1Odzemek ,  n.8Sousedská –

    Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale, piano duet



    Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale

    Accettare limitazioni al proprio pianismo, dividere la tastiera, l’uso dei pedali, lo spazio corporeo in nome di altra dimensione pianistica, non votata al personalismo e all’esteriorità, diventa un credo quando il repertorio cameristico lo richiede. La fusione tra i due pianisti si completa con il pubblico coinvolto in una sfera intima e raccolta, peculiarità della musica da camera.

    Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale si sono formati alla scuola pianistica napoletana.

    Al completamento della loro formazione artistica hanno contribuito anche altri celebri musicisti quali Pier Narciso Masi e il Trio di Trieste.

    Antonello Cannavale  ha suonato per il Teatro San Carlo (eseguendo la IX sinfonia di Beethoven in una versione per due pianoforti e coro), per la Ass. Scarlatti di Napoli (nella stagione concertistica, nelle serate di musica di insieme di Villa Pignatelli e in occasione della inaugurazione della Sala Scarlatti del San Pietro a Majella di Napoli eseguendo l’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven), per il Ravello Festival, il Rossini Opera Festival di Pesaro, l’Unione Musicale di Torino, la Società del Quartetto di Vercelli, la Società dei Concerti di Milano, e quella di Parma, l’Emilia Romagna Festival, gli Amici della Musica di Udine, di Pistoia, di Campobasso, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, il Gubbio Festival, l’Ass. Filarmonica Umbra, la Sagrestia del Borromini in Roma, la Fondazione Piccinni di Bari, il MozArt Box alla Reggia di Portici, il Quisisana Festival, ai Teatri di Corte della Reggia di Caserta e del Palazzo Reale di Napoli, per l’Università di Varese, di Napoli, di Cosenza e di Messina, al Limburg Music International Festival Belgium, presso la Dreikonigskirche Dresden (Germania), per l’Accueil Musical de Saint-Merry di Parigi, l’Ateneo Musical Miranda de Ebro (Spagna), l’Ass. Musica nel Mendrisiotto (Svizzera), il Metropole Arts Centre di Folkestone (in Gran Bretagna).

    Si è esibito con artisti quali A. Meunier, E. Bronzi, V. Ceccanti, L. Piovano, J. Pernoo, F. Petracchi, M. Caroli, C. Giuffredi, F. Caramiello, A. Ruta, G. Pieranunzi, O. Semchuk, I. Grubert, S. Gazeau, D. Rossi, R. Mallozzi, B. Boano.

    Alcune sue esibizioni sono state trasmesse da Radio Vaticana e da Rai Radio-tre. E’ titolare della cattedra di Musica da Camera al Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.

    Maria Libera Cerchia si è esibita come solista e componente di diverse formazioni cameristiche partecipando a importanti festivals e stagioni concertistiche:

    gli Amici della Musica di Campobasso, gli Amici della Musica di Udine, l’Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli, l’Estate Musicale Sorrentina, il Festival Pianistico Thalberg in collaborazione con la RAI, il Festival di Musica da Camera di Portogruaro, il Teatro Diana di Napoli, il Teatro dei Rassicurati di Lucca, l’Ass. Clara Schumann, l’Opera Universitaria di Napoli, Galassia Gutenberg,

    Con il pianista Antonello Cannavale e i componenti del Quartetto d’archi Savinio, si è dedicata a più progetti legati alla musica da camera. In particolare “Mozart per gioco” e “L’amore ai tempi della musica” con testi a cura di Stefano Valanzuolo, già eseguiti con successo di pubblico e critica per importanti enti e teatri italiani.

    Ha riscosso grandi consensi l’esecuzione de “Ein Sommernachtstraum” (Sogno di una notte di mezza estate) di Felix Mendelssohn – musiche di scena per l’omonima opera teatrale di W. Shakespeare, nella versione originale per pianoforte a quattro mani, impreziosita dalla narrazione a cura di Enzo Salomone, presso i giardini del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la rassegna “Miti di Musica” 2018 organizzata dalla Ass. Alessandro Scarlatti.

    E’ stata fondatrice e direttrice artistica del “Quisisana Festival” al Palazzo Reale di Quisisana – Castellammare di Stabia (NA). E’ titolare di cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica “D. Cimarosa” di Avellino.

22
23
24
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Giuseppe Gibboni e Fabio Silvestro

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Giuseppe Gibboni e Fabio Silvestro

    19:00 -21:00
    24/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Venerdì 24  luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    Niccolò Paganini – Capricci n.1 e n. 24;

    Eugène Ysaÿe  – Sonata in mi maggiore n. 6 per violino solo;

    Ludwig van Beethoven – Sonata per violino e pianoforte n. 5 in fa maggiore, op. 24 “La Primavera”;

    Henryk Wieniawski – Variations on an original theme op.15

    Giuseppe Gibboni, violino

    Fabio Silvestro, pianoforte



    Giuseppe Gibboni

    Nato nel 2001,inizia lo studio del violino a 3 anni con il padre ,  a 6 anni viene ammesso per meriti straordinari al conservatorio di musica statale. Si diploma a 15 anni con 10 Lode e Menzione d’Onore presso il Conservatorio Martucci di Salerno sotto la guida del M° Maurizio Aiello.

    Nell ‘ Ottobre 2015 , a soli 14 anni ,  ha superato la selezione per l’ammissione all’Accademia Stauffer di Cremona nella classe del M° Salvatore Accardo.

    Ha ricevuto il Diploma d’Onore ai corsi di Alto Perfezionamento  all’Accademia Chigiana nel 2016. È quindi stato ammesso al corso di Alto Perfezionamento presso l’Accademia Perosi di Biella  nella classe del M° Pavel Berman

    Ha seguito masterclass con Accardo, Berman,  Tretyakov, De Angelis , Fiorini

    Ha partecipato a vari concorsi nazionali ed internazionali – classificandosi sempre al I° posto – tra cui  XXIII Concorso Internazionale Violinistico A. Postacchini 2016 (con premio speciale per l’esecuzione dei capricci di Paganini ) ; International Competition L. Kogan 2017 – Bruxells; International Music Competition  Dinu  Lipatti ( premio speciale miglior violinista con assegnazione violino modello Stradivari “Il Cremonese” 1715 del liutaio M° Mester)  Recentemente si è classificato 3° premio ( con I° non assegnato) al prestigioso G. Enescu International Violin Competition di Bucarest

    Si è esibito in qualità di solista in vari Teatri e sale prestigiose  in Italia e all’estero.

    A novembre 2016 ha partecipato al programma di RAI 1  in collaborazione con UNICEF “ Prodigi – La Musica è Vita “  vincendo il programma e divenendo  il “ Prodigio Italiano “  Nell’anno 2017 ha ricevuto un riconoscimento della Camera dei Deputati dalle mani del Presidente Laura Boldrini nella giornata nazionale della Musica ed  il Premio Internazionale “ Charlot” giovane promessa della musica

    Ha inciso un CD  con la casa discografica Warner Classics che porta il suo nome, accompagnato dalla Nuova Orchestra da Camera “ F. Busoni “ diretta dal M° M. Belli

    A settembre 2017 ha effettuato un concerto presso l’Università Bocconi di Milano suonando sullo Stradivari della collezione LAM ( ex Scotland 1734) per conto del Museo del Violino di Cremona. Si è esibito in concerto al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca a chiusura della mostra “ Il Mito di Stradivari “

    Suona un  violino  Giovanni  Francesco Pressenda ( Torino 1827 ) . Il prestito di questo strumento rientra nell’attività del progetto “ Adopt a Musician” , una delle iniziative ideate da MusicMasterpieces di Lugano


    Fabio Silvestro

    Si è diplomato in Pianoforte  presso il Conservatorio Statale di Musica “Gesualdo da Venosa” di Potenza con il massimo dei voti e la lode  sotto la guida del M° Giulio De Luca .  Ha conseguito il Diploma Accademico di II livello in Discipline Musicali con 110 e lode, si è diplomato presso l’Accademia di Santa Cecilia in Musica da Camera studiando prima con Rocco Filippini e poi con Carlo Fabiano.

    Ha frequentato corsi di perfezionamento con Stefano Cucci,  Leslie Howard,  Konstantin Bogino,  Laura Pietrocini,  Marco Fiorentini, Bruno Canino.

    Ha partecipato da solista ed in formazione da camera a numerosi Concorsi Nazionali ed Internazionali riportando primi premi a Viareggio, Roma, Lecce, Gioia del Colle, Piombino, Magliano Sabina, Bari, Casamassima.

    Si è esibito in molte città e festival in Italia ed all’Estero. In qualità di pianista collaboratore ha partecipato ai corsi di perfezionamento dei cantanti Ambrogio Maestri,  Roberto Coviello, Roberto Scandiuzzi, Romualdo Savastano ed ha preso parte alle produzioni di numerose opere liriche.

    E’ il pianista del “Terzetto Printemps” e della compagnia Lirica “Gli Amici di Fritz” con cui svolge un’intensa attività di diffusione dell’Opera e dell’Operetta.

    E’ il pianista del Coro “Casini” dell’Università di Tor Vergata (Roma), collabora con il “Nuovo coro Lirico Sinfonico” di Roma, direttore M°Stefano Cucci e con il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

    E’ il pianista della “Piccola Accademia degli Specchi” e dell’Ensemble “Pentarte” entrambi impegnati nella diffusione della musica del 900’.

    E’ il pianista del coro Polifonico Interforze della Famiglia Militare “Salvo D’Acquisto” (Roma).

     Ha suonato musiche di Ada Gentile su invito ed alla presenza della Compositrice.

    Ha partecipato alla produzione dei Carmina Burana presso l’Auditorium della Conciliazione, Roma, direttore Carl Martin.

    Ha lavorato con l’attore Giorgio Albertazzi nello spettacolo “Puccini”.

    Collabora come pianista accompagnatore con il Conservatorio di Perugia.

    Tra le attività discografiche,  un cd con il violinista Giuseppe Gibboni edito dalla “Warner Classics”, un cd edito dalla” Naxos” su musiche di U.Giordani ,un Cd edito da “Pazzini” su musiche di Stefano Cucci, un cd con l’Ensemble Pentarte edito da Lead Recording ed un cd con la PADS edito da Naxos America.

    Il Sovrano Militare Ordine di Malta gli ha conferito la Benemerenza per merito artistico.

25
26
27
28
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Stefania Tallini

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Stefania Tallini

    19:00 -21:00
    28/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Martedì 28 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    Piano solo



    Stefania Tallini, pianoforte

    Considerata tra le più importanti pianiste e compositrici jazz, Stefania Tallini vanta una brillante carriera non solo in quest’ambito, ma anche in campo classico, con incursioni anche nel mondo della musica brasiliana attraverso sinergie con grandi artisti del panorama mondiale. Oltre al suo percorso da solista, spiccano le collaborazioni con nomi illustri come Guinga, Gregory Hutchinson, Gabriel Grossi, Gabriele Mirabassi, Javier Girotto, Enrico Intra e la Civica Jazz Band, Bruno Tommaso, Maurizio Giammarco, Remì Vignolò, Andy Gravish, Michele Rabbia, Tiago Amud, Marcus Tardelli, Sergio Galvao, Tullio De Piscopo, Rino Zurzolo; e in ambito classico: Corrado Giuffredi, Simone Nicoletta, Phoebe Ray, Natalia Suharevic, Ha ottenuto diversi premi sia come pianista che come compositrice e arrangiatrice in molti concorsi internazionali di rilievo. La sua discografia comprende 10 album da leader editi dalle etichette YVP (Germania), Alfa Music e Raitrade, oltre a diverse incisioni come guest. Ha composto ed eseguito colonne sonore sia per il cinema, che per il teatro, con collaborazioni importanti tra cui quelle con Mariangela Melato, Michele Placido e Davide Riondino. Prolifica autrice, la sua discografia comprende tutti brani di sua composizione, alcuni dei quali sono stati scelti da grandi artisti internazionali per essere interpretati e incisi, come Enrico Pieranunzi (nel trio con Marc Johnson e Joey Baron) e John Taylor. E’ stata invitata nei più importanti Festival Jazz in Italia, Francia, Germania, Lituania, Stati Uniti, Israele e più volte in contesti prestigiosi come “I Concerti del Quirinale”.

    Stefania Tallini presenta la sua musica anche in Piano Solo: dimensione che le è molto congeniale e nella quale esprime al meglio il suo peculiare mondo compositivo, oggi sempre più maturo e personale. Un caleidoscopio di sonorità diverse che si sono nutrite del jazz, della musica classica, della musica brasiliana e che la pianista ha saputo far confluire in un suo linguaggio originale, che la rende una delle più interessanti ed affermate realtà musicali di oggi.

29
30
31
  • Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Ciro Longobardi

    Musica sotto le stelle a Villa Pignatelli con Ciro Longobardi

    19:00 -21:00
    31/07/2020
    Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA

    Venerdì 31 luglio 2020 – Villa Pignatelli – ore 19 e ore 21

    Viaggi Impossibili

     Olivier Messiaen  – da Catalogue d’Oiseaux: L’Alouette Lulu, Le Traquet Stapazin, Le Merle Bleu;

    Claude Debussy – Estampes

    Ciro Longobardi, pianoforte



     

    Ciro Longobardi

    Finalista e miglior pianista presso il Concorso Gaudeamus di Rotterdam nel 1994, Kranichsteiner Musikpreis nell’ambito dei Ferienkurse di Darmstadt nello stesso anno, ha suonato per Milano Musica, Ravenna Festival, Aperto Reggio Emilia, Angelica Bologna, Traiettorie Parma, Rai Nuova Musica Torino, Nuova Consonanza Roma, Ente Teatro San Carlo e Associazione Scarlatti Napoli, Ente Teatro Massimo Palermo, Biennale di Venezia, Accademia Chigiana Siena, Saarländischer Rundfunk Saarbrücken, Unerhörte Musik Berlino, INA GRM Parigi, Guggenheim Museum New York, Festival di Salisburgo, IIC di Stoccarda, Strasburgo, Tokyo.

    Ha registrato per Stradivarius, Limen, Mode Records, RAI Trade, Die Schachtel. Tra i premi ricevuti, un Coup de Cœur de Radio France (settembre 2011), un Premio Speciale della Critica (Musica e Dischi) e un Premio Nazionale del Disco (Amadeus 2012-2013) per l’integrale delle opere pianistiche di Ivan Fedele (Limen); un CD del mese e una candidatura al Premio Nazionale del Disco (Amadeus 2012-13) per Electronic Music for Piano (Stradivarius) di John Cage realizzata in duo con Agostino Di Scipio. La sua registrazione dei Notturni completi di Salvatore Sciarrino (con Gaspard de la Nuit di Ravel, Stradivarius) è stata menzionata dalla rivista inglese Gramophone tra i tre dischi di riferimento per l’opera del grande compositore siciliano. La sua registrazione integrale del Catalogue d’Oiseaux di Messiaen (Piano Classics) ha vinto il Premio Abbiati del Disco come migliore pubblicazione di repertorio solistico del 2018-19 e ha ottenuto recensioni entusiastiche, tra cui una valutazione da 5 stelle dalla rivista francese Diapason.

    Ha tenuto conferenze-concerto e masterclass per i Conservatori di Alicante, Rotterdam, Ghent e Bruxelles, per la Hochschule di Basilea, per la University of Chicago e per la Manhattan School of Music di New York. Dal 2012 al 2014 ha tenuto l’insegnamento di pianoforte nell’ambito del Master in Performance Contemporanea presso il Conservatorio di Lugano. È membro fondatore e coordinatore artistico del collettivo Dissonanzen di Napoli. Insegna presso il Conservatorio “G. Martucci” di Salerno.

Agosto