La storia – musica e luoghi d'arte

Submit to Facebook

 

Successivamente la rassegna ha subito una ulteriore evoluzione, prendendo spunto dalla inaugurazione delle più importanti mostre di maestri della pittura, cui sono stati legati concerti dedicati a mantenere l’atmosfera creata dalla visita alla mostra. Nell’ottobre del 2004, il concerto “Arpe nella Reggia” si svolse in occasione della mostra “Caravaggio – l’ultimo tempo 1606-1610 “ con l’esposizione di preziosi strumenti appartenenti alla Collezione Giulini. Nel marzo del 2005, alla mostra dedicata a Diego Velázquez venne abbinato il concerto “La virtù temporale” con una serie di brani di autori vissuti fra XVI e XVIII secolo, mentre nell’ottobre di quello stesso anno, in occasione della mostra su Domenico Morelli, la Banda musicale dell’Arma dei Carabinieri propose sia brani di carattere “militare”, sia composizioni di autori ottocenteschi come Verdi, Bizet, Offenbach. Nell’aprile del 2006 , in concomitanza con la mostra “Tiziano e il ritratto di corte da Raffaello ai Carracci”, i Madrigalisti della Pietrasanta, diretti da Rosario Peluso, eseguirono una serie di musiche incentrate sul tema del madrigale nel Regno delle Due Sicilie.

Nel gennaio 2007 in occasione della mostra” “I colori della Campania - Omaggio a Giacinto Gigante” il pianista Carlo Forni ha accompagnato le cantanti Francesca Zurzolo e Ingrid Somma nell’esecuzione di romanze che autori di diverse epoche come Donizetti, Mercadante, Cottrau, Ricci , hanno dedicato alla collina di Posillipo; nel maggio 2008 alle suggestioni della mostra “Salvator Rosa tra mito e magia” hanno fatto da commento i versi di Ludwig Rellstab e di Heinrich Heine scelti da Schubert per il suo celebre ciclo di Lieder Schwanengesang, evocatori insieme alla musica di atmosfere drammatiche e romantiche. Infine in occasione della mostra internazionale “Ritorno al barocco - da Caravaggio a Vanvitelli” ha preso vita un progetto straordinario che sta portando la musica in ognuna delle sedi della mostra nella nostra città. Il Museo di Capodimonte, il Museo Pignatelli, il Museo Duca di Martina, la Certosa di San Martino e il Castel Sant’Elmo sono altrettante tappe di un viaggio nella storia della musica barocca ideato ed eseguito dal maestro Enrico Baiano, attraverso lo strumento principe di questo periodo, il clavicembalo.

 

 


associazione alessandro scarlatti
napoli, piazza dei martiri, 58
tel. 081 406011 - fax 081 405637
info@associazionescarlatti.it - www.associazionescarlatti.it - gruppo di  
  cinque per mille-  c.f. 00637170630

Powered by Studioextra - Grafica Luca Carnevale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.