Chiesa di San Benedetto

Posizione:Via S. Benedetto, 84122 Salerno SA

Upcoming events

  • 13/03/2020 19:30 - 13/03/2020 22:00

    Venerdì 13 marzo 2020 – Salerno, Chiesa di San Benedetto – ore 19.30

    GIUSEPPE GIBBONI, violino, FABIO SILVESTRO, pianoforte

    Ludwig van Beethoven: Sonata n. 5 in fa maggiore, op. 24 La Primavera;

    Niccolò Paganini: Rondò La Campanella dal Concerto in si minore n. 2 per violino e orchestra, da 24 Capricci per violino solo n. 1,5,13,24;

    Henryk Wieniawski: Variations on an original theme op. 15


    Giuseppe Gibboni

    Nato nel 200, inizia lo studio del violino a 3 anni con il padre e  a 6 anni viene ammesso per meriti straordinari al Conservatorio. Si diploma a 15 anni con 10 Lode e Menzione d’Onore presso il Conservatorio Martucci di Salerno sotto la guida del M° Maurizio Aiello . Nell’ ottobre 2015 , a soli 14 anni ,  ha superato la selezione per l’ammissione all’Accademia Stauffer di Cremona nella classe del M° Salvatore Accardo Ha ricevuto il Diploma d’Onore ai corsi di Alto Perfezionamento  all’Accademia Chigiana nel 2016. Dal 2016 è stato ammesso al corso di Alto Perfezionamento presso l’Accademia Perosi di Biella  con Borsa di Studio Triennale CRT nella classe del M° Pavel Berman. Ha seguito masterclass con Accardo, Berman,  Tretyakov, De Angelis , Fiorini.

    Ha partecipato, classificandosi sempre al I° posto, a vari concorsi nazionali ed internazionali  tra cui l’International Competition Leonid Kogan di Bruxells nel 2007 e l’ International Music Competition Dinu Lipatti ( premio speciale miglior violinista con assegnazione violino modello Stradivari “Il Cremonese” 1715 del liutaio M° Mester). Recentemente si è classificato al 3° posto( con I° premio non assegnato) al prestigioso G. Enescu International Violin Competition di Bucarest

    A marzo 2019 ha vinto il Concorso Internazionale “Progetto Guglielmo”.

    Si è esibito in qualità di solista in vari Teatri e sale prestigiose tra le quali : il  Festival Internazionale Al Bustan di Beirut, la Sala Tchaikovsky del Conservatorio di Mosca, il Teatro Dal Verme  di Milano, la Salle Royale del Conservatorio di Bruxelles. A novembre 2016 ha partecipato al programma di RAI 1  in collaborazione con UNICEF “ Prodigi – La Musica è Vita “  vincendo il programma e divenendo  il “Prodigio Italiano”.

    Nell’anno 2017 ha ricevuto un riconoscimento della Camera dei Deputati dalle mani del Presidente Laura Boldrini nella giornata nazionale della Musica ed  il Premio Internazionale “ Charlot- giovane promessa della musica”.

    Ha inciso un CD  con la casa discografica Warner Classics che porta il suo nome, accompagnato dalla Nuova Orchestra da camera  Ferruccio Busoni.

    A settembre 2017 ha effettuato un concerto presso l’Università Bocconi di Milano suonando sullo Stradivari della collezione LAM ( ex Scotland 1734) per conto del Museo del Violino di Cremona.

     Suona un  violino  Giovanni  Francesco Pressenda ( Torino 1827 ) . Il prestito di questo strumento rientra nell’attività del progetto “ Adopt a Musician” , una delle iniziative ideate da MusicMasterpieces di Lugano.


    Fabio Silvestro

    Si è diplomato in pianoforte  presso il Conservatorio Gesualdo da Venosa di Potenza con il massimo dei voti e la lode  sotto la guida del M° Giulio De Luca .  Ha conseguito il Diploma Accademico di II livello in Discipline Musicali con 110 e lode, si è diplomato presso l’Accademia di Santa Cecilia in Musica da camera studiando prima con Rocco Filippini e poi con Carlo Fabiano.

    Ha frequentato corsi di perfezionamento con Stefano Cucci,  Leslie Howard,  Konstantin Bogino,  Laura Pietrocini,  Marco Fiorentini, Bruno Canino.

    Ha partecipato da solista ed in formazione da camera a numerosi Concorsi nazionali ed internazionali riportando primi premi a Viareggio, Roma, Lecce, Gioia del Colle, Piombino, Magliano Sabina, Bari, Casamassima.

    Si è esibito in molte città e festival in Italia ed all’estero.  

    In qualità di pianista collaboratore ha partecipato ai corsi di perfezionamento dei cantanti Ambrogio Maestri,  Roberto Coviello, Roberto Scandiuzzi, Romualdo Savastano ed ha preso parte alle produzioni delle opere di Amelia al ballo, Barbiere di Siviglia, Rigoletto, Tosca, Madame Butterfly, La Serva Padrona, Cavalleria Rusticana, Requiem di Mozart, Messiah di Handel, Stabat Mater e Italiana in Algeri di Rossini.

    Ha lavorato come pianista collaboratore ai “Corsi di perfezionamento internazionali di Cava de’Tirreni.  

    E’ il pianista del Terzetto Printemps e della compagnia Lirica “Gli Amici di Fritz” con cui svolge un’intensa attività di diffusione dell’Opera e dell’Operetta.

    E’ il pianista del Coro “Casini” dell’Università di Tor Vergata (Roma), collabora con il “Nuovo coro Lirico Sinfonico” di Roma, direttore M°Stefano Cucci e con il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

    E’ il pianista della “Piccola Accademia degli Specchi” e dell’Ensemble “Pentarte” entrambi impegnati nella diffusione della musica del 900’.

    E’ il pianista del coro Polifonico Interforze della Famiglia Militare “Salvo D’Acquisto” (Roma).

    Ha suonato musiche di Ada Gentile su invito ed alla presenza della Compositrice.

    Ha partecipato alla produzione dei Carmina Burana presso l’Auditorium della Conciliazione, Roma, diretto da Carl Martin.

    Ha lavorato con l’attore Giorgio Albertazzi nello spettacolo “Puccini”.

    Collabora come pianista accompagnatore con il Conservatorio di Perugia.

    Tra le attività discografiche,  un cd con il violinista Giuseppe Gibboni edito dalla “Warner Classics”, un cd edito dalla” Naxos” su musiche di U.Giordani ,un cd edito da “Pazzini” su musiche di Stefano Cucci, un cd con l’Ensemble Pentarte edito da Lead Recording ed un cd con la PADS edito da Naxos America.

    Il Sovrano Militare Ordine di Malta gli ha conferito la Benemerenza per merito artistico.

  • 17/04/2020 19:30 - 17/04/2020 22:00

    Venerdì 17 aprile 2020 – Salerno,  Chiesa di San Benedetto – ore 19.30

    AMATIS PIANO TRIO

    Ludwig van Beethoven – Trio in si bemolle maggiore op. 11 Gassenhauer Trio;

    Dmitrij Šostakovič – Trio con pianoforte n. 1;

    Franz Schubert – Trio in mi bemolle maggiore op. 100 D. 929


    AMATIS PIANO TRIO

    L’Amatis Piano Trio si perfeziona presso il Mozarteum di Salisburgo e l’Accademia Europea di Musica da Camera con Rainer Schmitt dell’Hagen Quartet e Wolfgang Redik del Vienna Piano Trio; per la sua formazione particolare valenza hanno avuto le lezioni di Hatto Beyerle, Lukas Hagen, Fabio Bidini, Ilya Grubert, Anner Bylsma, Christian Schuster, Ib Hausmann, Imre Rohmann e Menahem Pressler.

    Il Trio si è subito imposto come una delle principali formazioni cameristiche della nuova generazione. Infatti dopo tre settimane dalla sua costituzione, avvenuta nel 2014, ha ottenuto il Premio del Pubblico alla Grachtenfestival Competition di Amsterdam cui è seguito il debutto al Royal Concertgebouw e un tour nei Paesi Bassi.  Si è affermato in vari concorsi tra cui la Parkhouse Competition della Wigmore Hall e il Classic Talent Award del Royal Concertgebouw; nel 2016 ha ottenuto il Secondo Premio al Concorso Internazionale Joseph Joachim di WeimarHa tenuto concerti in Europa (Olanda, Germania, Austria, Svezia, Norvegia, Italia, Portogallo, Spagna) e in Asia (Hong Kong e Indonesia) ed è stato ospite di importanti festival tra cui il Salzburg Chamber Music Festival del Mozarteum, il Grachten Festival di Amsterdam, il Festival di Monteléon, il Wimbledon Music Festival, l’Utrecht e il Trondheim Chamber Music Festival.

    A seguito della nomination della Philharmonie di Amburgo, del Festspielhaus di Baden-Baden, della Konzerthaus di Dortmund e della Philharmonie di Colonia, l’European Concert Hall Organization lo ha scelto quale "ECHO Rising Stars" per l’anno 2018 / 2019. Nel 2015 ha fondato in Olanda il Piano Trio Composition Prize al fine di attirare l’attenzione dei giovani compositori verso tale formazione. 

     

  • 15/05/2020 19:30 - 15/05/2020 22:00

    Venerdì 15 maggio 2020 – Salerno, Chiesa di San Benedetto – ore 19.30

    ROBERTO PROSSEDA, pianoforte

    Wolfgang Amadeus Mozart – Sonata in fa maggiore K. 533/494, Sonata in re maggiore K. 576;

    Felix Mendelssohn - 6 Lieder Ohne Worte;

    Rondo Capriccioso op. 14;

    Barcarola Veneziana op. 30 n. 6; Fantasia op. 28


    Roberto Prosseda

    Roberto Prosseda ha guadagnato fama internazionale grazie alle incisioni Decca di musiche di

    Mendelssohn, tra cui l'integrale pianistica in 9 CD e il Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra, con la Gewandhaus Orchester di Lipsia diretta da Riccardo Chailly. Ha suonato come solista con la London Philharmonic, la Gewandhaus Orchester, la Filarmonica della Scala, l'Orchestra Santa Cecilia di Roma, la New Japan Philharmonic, la Royal Liverpool Philharmonic, la Moscow State Philharmonic, la Bruxelles Philharmonic, e ha tenuto concerti alla Wigmore Hall di Londra, alla Philharmonie di Berlino, al Gewandhaus di Lipsia, al Teatro alla Scala di Milano.

    Ha suonato sotto la direzione David Afkham, Marc Albrecht, Christian Arming, Harry Bickett, Riccardo Chailly, Pietari Inkinen, Yannik Nezeit-Seguin, George Pehlivanian, Dennis Russel-Davies, Tugan Sokhiev, Jan Willem de Vriend, Jurai Valcuha.

    Dodici sue incisioni sono state incluse nei cofanetti "Piano Gold" e "Classic Gold" della Deutsche

    Grammophon (2010). Attivo nella promozione della musica italiana del Novecento e contemporanea, ha inciso l'integrale pianistica di Petrassi, Dallapiccola e Aldo Clementi.

    Dal 2011 suona in pubblico anche il piano-pédalier, avendo riscoperto e presentato in prima esecuzione moderna il Concerto di Charles Gounod per piano-pédalier e orchestra.