Associazione Alessandro Scarlatti
EnglishItalian
FacebookInstagramYoutube
Email
Apri menu

ScarlattiLab Barocco

18/05/2022 19:30 - 21:00 Europe/Rome
Chiesa Anglicana
Address: Via San Pasquale a Chiaia

SCARLATTILAB BAROCCO
In collaborazione con il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio San Pietro a Majella

Loreto Vittori: La Galatea, la prima opera rappresentata a Napoli

Ester Facchini, soprano Galatea
Leopoldo Punziano, tenore Aci, I Pastore
Carlo Feola, basso Nettuno, Giove, Polifemo
Danila Pia Abate, soprano Amore, Eco, II Pastore
Marina Meo, mezzosoprano Venere, Un Satiro
Cristina D’Alessandro, contralto Lucindo, III Pastore, Proteo

Marco Piantoni, Marco Rozza – violini
Manuela Albano – violoncello
Franco Pavan, Pierluigi Ciapparelli, Paola Ventrella – tiorbe
Angelo Trancone – clavicembalo
Alessandro De Carolis, Gennaro Caccialino – flauti dolci

ANTONIO FLORIO, direttore

La Galatea è un melodramma composto a Roma nel 1639 da un poeta e celebre cantante castrato di scuola romana, Loreto Vittori, ma ebbe la sua prima assoluta a Napoli, in un’esecuzione privata avvenuta nel 1644 nel palazzo dei nobili Spinelli di cariati presso l’attuale Piazza cariati (il libretto fu rivisto e ristampato più tardi a Spoleto, città natale di Vittori, nel 1655 forse per una nuova esecuzione di cui non resta notizia)
Il testo amplifica e complica il poema omonimo di Gabriello chiabrera che narra le vicende di Aci, Galatea e Polifemo (che nel primo Settecento sarebbero state musicate proprio a Napoli da Händel) e comprende canzonette e arie strofiche, recitativi, vari concertati e importanti interventi di un coro di solisti, offrendo momenti di lirismo e grande drammaticità. I Giornali di Napoli dettero ampio risalto alla rappresentazione del 1644 per cui La Galatea può essere considerata la prima opera in musica rappresentata a Napoli, anticipando di sei anni l’arrivo dell’opera “alla veneziana” proposta dal viceré d’Oñate dopo la Rivoluzione di Masaniello.