Associazione Alessandro Scarlatti
EnglishItalian
FacebookInstagramYoutube
Email
Apri menu

Stagione Concertistica 2022 – Una nuova stagione


Come promesso proseguono nel periodo gennaio/aprile 2022 le attività della Associazione Alessandro Scarlatti, con la Stagione Concertistica 2022, che sceglie come motto “Una nuova Stagione”. Oltre alla ventata di speranza che questo slogan vuole trasmettere, malgrado le incertezze che permangono sul futuro dello spettacolo dal vivo, di nuovo ci sono diversi elementi: prima fra tutte la sede, che ritorna la Teatro Sannazzaro dopo una partentesi al Teatro delle Palme, cui si aggiungono due appuntamenti jazz al Teatro Acacia.
Altra novità è l’inaugurazione nei prossimi giorni di un nuovo sito internet della Associazione, che diventa un vero e proprio portale web per fruire del patrimonio materiale e immateriale connesso alle attività dell’Associazione Alessandro Scarlatti. Si tratta del primo esempio nella Regione Campania di gestione integrata di un archivio multimediale applicato al bene immateriale musicale. Il progetto è risultato vincitore di un bando della Regione Campania per lo sviluppo delle imprese culturali. Nel nuovo sito oltre ai consueti servizi al pubblico con informazioni sui concerti ed acquisto online dei biglietti, sarà possibile l’accesso all’intero Archivio Storico dell’Associazione, dove saranno consultabili a tutti schede sugli oltre 3.000 concerti dal 1956 ad oggi.
Veniamo ora ai 10 concerti della Stagione 2022 [….]

scopri le altre news

“Considerato il peggiorare della situazione dei contagi la Associazione Alessandro Scarlatti ha deciso di sospendere la programmazione della Stagione Concertistica 2022 per i mesi di gennaio e febbraio. I concerti riprenderanno a marzo secondo il calendario già stabilito, e stiamo lavorando per realizzare lo spostamento dei 4 concerti sospesi ( Katia e Marielle Labéque, Freedom Jazz Trio, Quartetto Esmè, Cannavale/Cerchia piano duet) ai mesi primaverili. Al più presto pubblicheremo il nuovo calendario della modificata Stagione Concertistica 2022. Facciamo ancora una volta appello alla comprensione del nostro pubblico I nostri uffici sono a disposizione per qualsiasi chiarimento al numero 081 406011.”

23 ottobre ore 21

 

Come promesso proseguono nel periodo gennaio/aprile 2022 le attività della Associazione Alessandro Scarlatti, con la Stagione Concertistica 2022, che sceglie come motto “Una nuova Stagione”. Oltre alla ventata di speranza che questo slogan vuole trasmettere, malgrado le incertezze che permangono sul futuro dello spettacolo dal vivo, di nuovo ci sono diversi elementi: prima fra tutte la sede, che ritorna la Teatro Sannazzaro dopo una partentesi al Teatro delle Palme, cui si aggiungono due appuntamenti jazz al Teatro Acacia
Altra novità è l’inaugurazione nei prossimi giorni di un nuovo sito internet della Associazione, che diventa un vero e proprio portale web per fruire del patrimonio materiale e immateriale connesso alle attività dell’Associazione Alessandro Scarlatti. Si tratta del primo esempio nella Regione Campania di gestione integrata di un archivio multimediale applicato al bene immateriale musicale. Il progetto è risultato vincitore di un bando della Regione Campania per lo sviluppo delle imprese culturali. Nel nuovo sito oltre ai consueti servizi al pubblico con informazioni sui concerti ed acquisto online dei biglietti, sarà possibile l’accesso all’intero Archivio Storico dell’Associazione, dove saranno consultabili a tutti schede sugli oltre 3.000 concerti dal 1956 ad oggi.
Veniamo ora ai 10 concerti della Stagione 2022.
Giovedì 19 gennaio alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro, il primo concerto è dedicato dalle pianiste Katia e Marielle Labeque alla musica di Philipp Glass, uno dei padri del minimalismo americano: per le due “ragazze terribili” nel 2020 la Deutsche Gramophone ha pubblicato Les enfants terribles, la riduzione per due pianoforti delle musiche dell’omonimo balletto di Philipp Glass, ispirato al racconto di Jean Cocteau. La relazione tra le Labèque e il compositore americano è particolarmente forte da tempo, ed è sfociata, nel 2015, nella composizione del Concerto per due pianoforti e orchestra che lo stesso Glass ha dedicato alle due sorelle francesi. Les enfants terribles fa parte della trilogia che Glass ha dedicato all’opera di Cocteau e che comprende i lavori La Belle e la Bête (che fu eseguita anche alla Scarlatti in prima italiana una ventina di anni fa) e Orphée.
Giovedì 27 gennaio 2022 alle ore 20.30 il Teatro Acacia ospita il primo dei due concerti jazz in cartellone, quello che vede il Freedom Jazz Trio incontrare, in un progetto inedito che troverà spazio in una produzione discografica, due grandi protagonisti della musica jazz: il sassofonista argentino Javier Girotto e il trombettista Fabrizio Bosso. Di scuola napoletana, il Freedom Jazz Trio è formato da Lello Petrarca al pianoforte, Emiliano De Luca al contrabbasso e Claudio Borrelli alla batteria. Di formazione classica, essendo diplomato in tromba al Conservatorio di Torino, Bosso ha rapidamente accolto una visione ampia del fare musica: un approccio trasversale e senza preconcetti caratterizza tutto il suo percorso, nel quale avvicenda il profondo amore e il rispetto nei confronti della storia e della tradizione jazzistica al desiderio di confrontare il proprio linguaggio con altri mondi musicali.
Giovedì 10 febbraio 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro, dopo la fortunata apparizione a Villa Pignatelli per la Settimana di Musica d’Insieme del 2019 al fianco di Giovanni Sollima, dove fecero colpo per la loro precisione e pulizia del suono, le musiciste del coreano Quartetto Esmè tornano protagonista assolute di un concerto, con un programma molto originale che spazia da Haydn a Tchaikovsky fino a Korngold.
Il quarto e il quinto concerto sono dedicati al pianoforte e, in particolare, alla scuola pianistica campana di cui certamente Costantino Catena e il duo formato da Antonello Cannavale e Maria Libera Cerchia sono esponenti di rilievo. Giovedì 17 febbraio 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro, Cannavale e Cerchia propongono alcuni dei capolavori del vastissimo repertorio che Franz Schubert dedicò al pianoforte a quattro mani. Giovedì 3 marzo 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro, Costantino Catena propone un programma tutto dedicato alle composizioni che Robert Schumann realizzò ispirandosi allo scrittore E.T.A Hoffmann (1776- 1822) – l’autore de Il Vaso d’oro e L’Uomo della sabbia, considerato l’incarnazione del vero spirito romantico tedesco – del quale nel 2022 si celebra il bicentenario della morte.
L’incontro tra antico e moderno caratterizza Giovedì 10 marzo 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro il concerto del Quartetto di Cremona (si tratta di un recupero della stagione 2020-21 annullata per la pandemia) che abbina all’Arte della Fuga di Johann Sebastian Bach una recente composizione di Fabio Vacchi, ispirata direttamente a questo grande capolavoro dell’arte contrappuntistica. Con l’obiettivo di offrire un’interpretazione fedele alla partitura originale, mantenendo lo sviluppo delle voci così come scritto da Bach, in alcuni contrappunti de L’Arte della Fuga il Quartetto di Cremona introduce una viola al posto del secondo violino e una viola tenore al posto di quella normale: in questo modo, le linee originali sono accuratamente seguite e chiaramente distinguibili, creando una fusione uniforme di tutte le voci.
Il settimo concerto ha un sapore tutto particolare perché ufficializza la fusione tra la Fondazione Alberto Curci e l’Associazione Alessandro Scarlatti, che ne incorpora i beni e la mission, decidendo di dedicare ogni anno uno o più appuntamenti per ricordare il grande violinista e didatta napoletano. A inaugurare questo nuovo spazio artistico Giovedì 24 marzo 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro il giovane violinista Riccardo Zamuner in duo con il pianista Emanuele Delucchi.
Giovedì 31 marzo 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro un concerto all’insegna dell’incontro tra musica e divulgazione musicale con la presenza di un grande pianista italiano come Andrea Lucchesini e un ormai famoso “narratore” dei fatti musicali come Giovanni Bietti. Il tema è un excursus nella “forma sonata” e condensa un secolo di musica pianistica accostando, in un percorso che si svolge a ritroso nel tempo, la sonata di Liszt e uno dei capolavori del Beethoven della maturità, l’op. 109.
Il mito di Farinelli è il filo rosso del concerto di Giovedì 7 aprile 2022 alle ore 20.30 al Teatro Sannazaro, con il grande mezzosoprano statunitense Vivica Genaux e il Concerto dè Cavalieri diretto da Marcello Di Lisa, che propongono grandi e famose arie barocche.
La Stagione 2022 si conclude ancora con il jazz, ancora la Teatro Acacia ed ancora con un progetto inedito che vede la voce di Maria Pia De Vito e il pianoforte della sua storica compagna di duo Rita Marcotulli, impegnate in una riflessione sul “femminile” in musica, con brani ispirati a donne e musiche su testi di donne, da Saffo a Emily Dickinson, Giovedì 27 gennaio 2022 alle ore 20.30 al Teatro Acacia.

23 ottobre ore 21

La Associazione Alessandro Scarlatti e Guida editori inaugurano Scarlatti Musicomics, una nuova linea editoriale di fumetti: a inaugurarla il volume illustrato “La musica nel sangue” (pagine 92, euro 12) di Chiara Macor (soggetto e sceneggiatura), Emanuele Parascandolo (disegni), Chiara Imparato (colori). Il testo è la biografia a fumetti di Alessandro e Domenico Scarlatti. A questa prima uscita della collana seguiranno la biografia a fumetti di Enrico Caruso, un racconto dedicato al soggiorno napoletano di Mozart e altre in via di definizione. Le pagine finali contengono una sorta di dietro le quinte del fumetto, con la pubblicazione dei disegni e degli schizzi preparatori del volume. «Investire in una nuova linea editoriale» dice Diego Guida, patron della Guida editori, «è sempre una sfida, soprattutto quando si rivolge principalmente a un pubblico di giovani, categoria di lettori difficile da coinvolgere. D’altra parte il genere di graphic novel non ha risentito della crisi pandemica, anzi continua a crescere nelle vendite attirando interesse di tutte le fasce d’età. Con questi nostri libri a fumetti, curati con grande dedizione da una équipe di disegnatori, coloristi e grafici, puntiamo a raccontare vite di grandi musicisti che tanto hanno dato a Napoli, e tanto hanno ricevuto dalla nostra città. Il prossimo volume sarà dedicato al grande tenore Enrico Caruso». «Da alcuni anni l’Associazione Alessandro Scarlatti» spiega il Direttore Artistico Tommaso Rossi «dedica sempre più spazio alla divulgazione musicale, in particolare dei giovani, offrendo loro l’opportunità di un approccio alla musica non accademico, con percorsi di guida all’ascolto, ma anche con seminari e workshop di formazione musicale di base. Questa propensione a una diffusione musicale capillare, non ostacolata da sovrastrutture concettuali o, peggio, da barriere economico-sociali, è alla base anche di Scarlatti Musicomics, la collana di graphic novel che intende unire il mondo della musica classica con il mondo del fumetto.»
Scarlatti Musicomics è realizzato con il contributo della Legge 7/2003 dalla Regione Campania
Si allegano copertina e alcune tavole del volume.
Sinossi del testo
Domenico Scarlatti, da tempo musicista alla corte di Spagna, deve fare i conti con una vera e propria crisi esistenziale e con i debiti causati dal vizio del gioco, che mettono a rischio anche il suo matrimonio. A corrergli in aiuto il collega e amico Carlo Broschi, meglio conosciuto come Farinelli, che, attraverso un punto di vista critico e scanzonato, condurrà Domenico a sciogliere alcuni nodi chiave del suo passato e a raccontare del difficile rapporto col padre, il grande Alessandro Scarlatti, una figura tanto influente quanto ingombrante per la sua vita e per la sua carriera. Il conflitto generazionale tra padre e figlio narra, in forma romanzata, anche della trasformazione del linguaggio musicale avvenuto tra la fine del ’600 e gli inizi del ’700.

23 ottobre ore 21